Borghi, FRANCIA, SENZA LATTOSIO

IL BORGO DI ÈZE: COSA VEDERE E DOVE MANGIARE SENZA LATTOSIO

Borgo di èze - Travel Free From

Il borgo di Èze, fra le tante attrazioni della Costa Azzurra, è fra quelle che più mi hanno colpita.

Anzi, se un giorno dovessi pensare di ricalcare queste strade, lo farei con l’unico obiettivo di rivisitare le cantine e i borghi medievali in questo pezzo di Francia Meridionale.

Mi sento di definirli delle vere opere d’arte che custodiscono opere d’arte.

Il borgo di Èze, arroccato su una collina che offre una splendida vista sulla Costa Azzurra, a metà strada fra Nizza e Mentone, non fa eccezione e in più è estremamente accessibile per la totale assenza di automobili fra le sue strade. Almeno quelle del centro storico.

Borgo di Èze - Travel Free From

L’intera borgata, infatti, si divide in due parti. Quella inerpicata sulla roccia, corrisponde alla zona più antica e storica e prende il nome di Èze Village, mentre quella sulla costa, si chiama Èze Bord-De-Mer.

Nel nostro tour ci siamo soffermati principalmente nel villaggio storico, avendo in se il maggior numero di luoghi storici da visitare.

Ti mostro subito quali sono state le tappe su cui ci siamo maggiormente fermati durante la nostra giornata nel borgo di Èze.

1.LA PROFUMERIA FRAGONARD.

Che poi è la ragione principale che ci ha condotti qui. Molti amici ce l’avevano consigliata e non abbiamo esitato.

Borgo di Èze Fragonard - Travel Free From

In effetti ne vale davvero la pena. Sia perché abbiamo potuto usufruire di una guida gratuita all’interno dei laboratori, in cui ci hanno illustrato tutti i passaggi seguiti per la produzione di saponette e profumi. Dalla raccolta dei fiori e dai luoghi delle loro origini, fino alle essenze e ai prodotti finiti, abbiamo fatto un tuffo che ci ha coinvolti attraverso tutti i sensi.

Borgo di Èze - Travel Free From

Borgo di Èze - Travel Free From ùBorgo di Èze - Travel Free From

Borgo di Èze - Travel Free From

Sia perché, al termine, abbiamo anche partecipato a un piccolo laboratorio in cui siamo stati guidati nel riconoscere le essenze principali dei loro estratti.

Borgo di Èze - Travel Free From

Come se non bastasse, per noi che avevamo preso parte al tour, era previsto un piccolo sconto sui prodotti venduti nello shop aziendale.

Borgo di Èze - Travel Free From

Borgo di Èze - Travel Free From

Un’esperienza a dir poco inebriante.

Puoi trovare tutte le info che ti servono cliccando su FRAGONARD.

2. I VICOLI DEL CENTRO STORICO

Dall’azienda dei profumi, lungo un breve sentiero, è possibile arrivare all’interno delle mura del borgo di Èze, dove ci sono i tesori migliori.

L’aspetto è quello tipico di un borgo medievale, fatto di stradine ripide, costituite per buona parte da gradini misti di roccia e mattonelle, che si dispiegano fra le abitazioni in pietra.

Borgo di Èze - Travel Free From

Borgo di Èze - Travel Free From

Le strade sono letteralmente costellate di piccoli negozietti in cui poter acquistare souvenir di ogni genere, dalla piccola calamita ricordo fino alle opere di design, scultura e pittura, realizzati da artisti di tutto in mondo che, durante specifici periodi dell’anno, scelgono di esporre proprio qui.

Cosa vuoi che ti dica, un vero museo nel museo.

Opere d'arte - Travel Free From

Da appassionata d’arte sono rimasta letteralmente incantata ad ogni vetrina e, credimi sulla parola, avrei acquistato oggetti in ogni dove.

Ma al di là di queste, i vicoli del villaggio offrono caratteristici scorci e viste meravigliose sulla costa, attraverso i boschi che puntellano le colline circostanti. Davvero un bel colpo d’occhio.

3. LA CHIESA DI NOSTRA SIGNORA DELL’ASSUNZIONE E LA CAPPELLA DI SANTA CROCE

La parte sacra del borgo di Èze è racchiusa tutta in queste due piccole chiese. La prima, più “moderna”, risalente alla metà dell’Ottocento, mantiene uno stile più barocco.

Borgo di Èze - Travel Free From

La Cappella di Santa Croce, invece, è più povera, piccola, antica, risalente al Trecento, quando il paesino fu colpito dalla peste.

Borgo di Èze - Travel Free From

Se ami camminare, poi, ti consiglio di visitare anche il giardino esotico e le rovine del castello, oltre al famoso sentiero di Nietzsche. Quest’ultimo ti consentirà di raggiungere la parte della borgata che si affaccia sul mare, calcando le orme del noto filosofo che, a quanto pare, lungo questo sentiero, compose uno dei capitoli di “Così parlò Zarathustra“.

Giardini - Travel Free From

Se poi con tutto questo saliscendi fra i vicoli del paesino ti è anche venuta un po’ fame, ti mostro subito dove poter gustare un buon pranzo senza lattosio e senza molte pretese.

La Taverne d’Antan è un locale incastonato nel centro storico del borgo di Èze, precisamente in Rue Plan, 6.

La Taverne D'Antan - Travel Free From

Il menù strizza l’occhio alle esigenze del turista che vuole assaggiare piatti buoni, magari unici, senza perder troppo tempo ne spendere un patrimonio.

Infondo sono state le stesse necessità che avevamo anche noi, non volendo trascorrere la maggior parte della giornata seduti a tavola, ma in giro per il villaggio.

Pertanto, il nostro pranzo “frugale” si è esaurito tutto in un aperitivo a base di pane locale con paté ti olive nere;

Aperitivo - Travel Free From

bistecca ai ferri e patatine fritte per lui e insalata mista con questi involtini di verdure senza lattosio per me.

Pranzo a Èze - Travel Free From

Rapido, gustoso ed economico.

Il posto è davvero molto carino, soprattutto durante la bella stagione, quando si può approfittare dei tavoli apparecchiati lungo le vie del borgo o sulle intime terrazze dislocate su più livelli, sempre vista borgo.

La Taverne d'Antan - Travel Free From

Il servizio è stato cortese e rapidissimo, anche piuttosto attento alle mie esigenze.

Il costo anche molto abbordabile. In due non abbiamo superato i 28 Euro.

A distanza di un anno ancora ricordo il nostro viaggio a Èze come uno dei più belli fatti negli ultimi anni. Un connubio vincente fra l’autenticità della collina e la freschezza del mare, accompagnati dai profumi che ci hanno pervasi lungo i corridoi dal quale escono le essenze più famose al mondo.

Senz’altro da ripetere, in futuro, e magari anche in un momento dell’anno in cui poter ammirare lo splendido foliage dei boschi che la circondano.

Ci sei mai stato?

Raccontami la tua!