Città, EUROPA, REPUBBLICA CECA

OROLOGIO ASTRONOMICO DI PRAGA E TEMPIO DI TYN: DUE GRANDI CLASSCI

Orologio astronomico di Praga - Travel Free From

Volete sapere che ora è ma, sfortuna delle sfortune, avete dimenticato l’orologio in camera e il cellulare si è scaricato? A Praga questo non è un problema, anzi. Ovunque voi siate sarete circondati da orologi. Negozi, rigattieri, pub, ristoranti, li troverete esposti dappertutto e in gran quantità. Il perché non l’ho ancora approfondito, ma mi sento di dire che questa sia la città degli orologi.

Se poi per caso, e dico per caso, capitate nei pressi di Piazza della Città Vecchia e avete completamente perso la cognizione del tempo, c’è lui, l’Orologio Astronomico di Praga, a guardarvi. Che dico?  A farsi guardare.

Se ancora (casomai non vi fossero bastati tutti i se di prima) vi rendete conto che metà della piazza spinge per posizionarsi in un preciso posto e puntare il cellulare in alto, allora, scusate, ma questa volta dovrete seguire la folla e alzare anche voi gli occhi al cielo.

L’orologio astronomico di Praga è, a mio avviso, uno dei più belli e, forse, il più fotografato al mondo.

Come sia fatto e come funzioni il suo meccanismo mi astengo dal spiegarlo. Mi ci vorrebbe una laurea in ingegneria solo per capirlo e se provassi a descrivere ciò che ho captato, dopo un po’, mi incarterei.

Quello che posso fare però è mostrarvelo, in diverse angolazioni e con diverse luci. Chiaro che non sono stata appostata 24 ore sotto l’orologio, semplicemente mi ci son trovata a passare spesso ed in diversi momenti del giorno.

Orologio astronomico di Praga - Travel Free From

Capiterà anche a voi, vedrete.

Dunque, l’orologio astronomico di Praga è diviso in tre parti.

Il cuore della meccanica è al centro, nel primo quadrante, quello astronomico e colorato, appunto.

Qui c’è l’essenza di tutto ciò che serve sapere in merito al tempo. Ci sono i numeri che segnano l’ora, i segni zodiacali, il sole, la luna. Poi c’è la terra con il cielo, l’aurora, il crepuscolo, degli strani segni dorati proprio sul perimetro esterno. Che sono? Le ore boeme. Non so perché nell’antica Boemia misuravano le ore con i numeri arabi.

Insomma il cuore e l’arte dell’ingegneria è concentrata tutta qui, in un perfetto equilibrio e precisione dei movimenti.

La parte artistica nel senso stretto è quella superiore e inferiore.

Orologio astronomico di Praga di sera - Travel Free From

Al di sopra del quadrante astronomico sono poste delle statue lignee. Quattro di queste le potete ammirare sempre. Sono fisse lì, ai due angoli superiori. Queste rappresentano quattro vizi capitali: vanità, avarizia, morte e lussuria. Sì, il terzo non è proprio un vizio, è la triste sorte di tutti noi, buoni e cattivi.

Le altre statue sono nascoste e formano il corteo degli apostoli. Le vedete quelle due finestrine in alto? Allo scoccare di ogni ora, si aprono, e da entrambi i lati scorrono le figure dei dodici, sei ad una finestra e sei all’altra. Questi, nel loro passaggio, si girano verso il pubblico e s’inchinano con un cenno di saluto. Ma che carini! Un vero gentiluomo chi l’ha inventato.

Non solo queste si muovono, anche quelle esterne “viziose” e la morte, con il suo scampanellio, ci ricorda che il tempo scorre. Mamma che ansia!

Nella parte inferiore dell’orologio astronomico di Praga, quella con il quadrante dorato, sono rappresentati i dodici mesi dell’anno.

Le statue poste in sua corrispondenza simboleggiano le materie dell’epoca: filosofia, astronomia, teologia e matematica.

Tutto questo popo di roba, e non vi ho raccontato nulla, è l’orologio astronomico di Praga.

Ecco, andare a Praga e non ammirare quest’opera o non filmare almeno una volta il rintocco dell’ora, è un po’ come non esserci andati. Dal vivo è tutta un’altra storia.

C’è un’altro monumento, poi, che non vi sfuggirà mentre aspettate il rintocco dell’ora. È proprio alla vostra destra, sì, con le sue due torri svettanti. Sto parlando del Tempio di Tyn.

Orologio astronomico di Praga e tempio di tyn - Travel Free From

Bella no? Un bel colpo d’occhio, in effetti.

Orologio astronomico di Praga e piazza della città vecchia - Travel Free From

Devo essere sincera? L’interno mi ha un po’ delusa. Non so perché ma mi ero fatta dei film mentali ad ammirare l’imponenza della sua struttura esterna. Mi aspettavo grandi decorazioni, un po’ alla stregua della Cattedrale di San Vito, invece, non so, mi ha lasciata un po’ interdetta.

Orologio astronomico di Praga e interno tempio di tyn - Travel Free From

Complice anche la difficoltà a trovarne l’ingresso. Quasi vi viene da pensare, vedendola da lontano, “non vedo l’ora di arrivarci sotto, sai che maestosità a guardarla dai suoi piedi?”. Invece dovrete sudare parecchio per trovarla. La Chiesa di Santa Maria di Tyn, questo è il “nome e cognome”, è costruita a ridosso delle abitazioni. L’entrata sembra quasi posizionata nel cortile interno di una di queste.

Orologio astronomico di Praga e facciata tempio di tyn - Travel Free From

E il famoso interno? Eccolo, giudicatelo voi. Bella, per carità. Voglio mica fare quella che ha la puzza sotto al naso. Merita senz’altro una visita. Ma, secondo me, anche a voi piacerà di più ammirarla a distanza.

In ogni caso vi rinvio ad alcune info utili per l’accesso.

Orologio astronomico di Praga e dettaglio tempio di tyn - Travel Free From

 

Che ne pensate di queste due opere a Praga? Siamo sui grandi classici, senza dubbio, ma voi li avevate già visitati dal vivo?